Disposizioni concernenti l’importazione di veicoli

I veicoli delle persone che si trasferiscono, considerati come masserizie di trasloco, sono esenti da imposte.

Sono considerati masserizie di trasloco i veicoli di immigranti già utilizzati dagli stessi per il loro personale tenore di vita o per l’esercizio dell’attività professionale e commerciale durante almeno sei mesi in territorio doganale estero e destinati all’uso proprio in territorio doganale. 

Compilate il modulo di richiesta (18.44 masserizie di trasloco). All’arrivo in Svizzera potete presentarlo all’ufficio doganale.


In caso di importazione di veicoli osservate quanto segue:

Immatricolazione del veicolo: dovete immatricolare il vostro veicolo in Svizzera presso l’Ufficio cantonale della circolazione del vostro Cantone di domicilio. 

Contrassegno: i veicoli che viaggiano in autostrade o superstrade in Svizzera devono essere muniti del “contrassegno”. Il contrassegno può essere acquistato per CHF 40.- negli uffici postali, nelle stazioni di servizio, negli uffici del TCS e negli uffici cantonali della circolazione stradale.

Imposta di circolazione: in Svizzera bisogna pagare un’imposta per i veicoli immatricolati. L’importo varia da Cantone a Cantone. Inoltre deve essere stipulata un’assicurazione di responsabilità civile.

Sostituzione della patente: al massimo entro 12 mesi dall’arrivo in Svizzera dovete sostituire la vostra patente straniera con una patente svizzera presso l’Ufficio di circolazione del vostro Cantone di domicilio. La patente straniera non è più valida dopo 12 mesi di permanenza in Svizzera.


Importazione di veicoli non considerati masserizie di trasloco (ad es. veicoli nuovi)

Nel caso di importazione di veicoli non considerati masserizie di trasloco, solitamente bisogna pagare un’imposta. L’imposta dipende dal peso e dal valore del veicolo al momento del passaggio del confine. 

Tenete preparati i seguenti documenti:

  • fattura o contratto di acquisto
  • Licenza di circolazione oltre alla carta di circolazione per le vetture con targa tedesca e al foglio complementare per vetture con targa italiana.
  • Documento di identità (passaporto, carta di identità, patente di guida, ecc.)

Esente da dazi: “I veicoli che sono stati fabbricati in uno stato dell’UE o dell’AELS o in un paese che ha stipulato un accordo di libero scambio possono essere importati da suddetti paesi esenti da dazi”. (“Istruzione - Immissione in libera pratica di veicoli a motore stradali e rimorchi privati (sdoganamento e imposizione)).

Ulteriori imposte e tasse per l’importazione:

  • Imposta sugli autoveicoli pari al 4% del valore del veicolo.
  • Imposta sul valore aggiunto sul prezzo di acquisto o sul valore del veicolo in base al suo stato pari all’8%.
  • Tassa di CHF 30.- per la pesatura e CHF 20.- per la stesura del rapporto di perizia (mod. 13.20 A) destinato all’ufficio della circolazione stradale. 

Tutti le imposte e tasse vanno versate direttamente all’ufficio doganale all’atto dell’imposizione.

Prescrizioni sulle emissioni di CO2 per le nuove autovetture:

In occasione della prima messa in circolazione di nuove autovetture viene emessa una multa (sanzione) se non viene raggiunto un determinato valore di emissione (media: 130g di CO2/km). Tuttavia, questa multa, quando applicata, viene riscossa a posteriori da parte dell’Ufficio federale delle strade (USTRA).